Prezzo troppo alto iPhone 5c - Produzione dimezzata • ITN Blog | ITN Blog

Prezzo troppo alto iPhone 5c – Produzione dimezzata 
0

prezzo troppo alto iphone 5c

L’annuncio ufficiale relativo al lancio dei nuovi dispositivi Apple aveva destato qualche perplessità in merito al prezzo troppo alto iPhone 5c.

 

La proposta commerciale del colosso di Cupertino era indirizzata ad un target di clienti intermedio, per aggredire una fascia potenziale di acquirenti diversa. L’intento era quello di rosicare quote di mercato ad Android e allo stesso tempo aggredire i mercati emergenti come la Cina. E proprio dalla Cina arrivano segnali negativi. Le grosse aspettative di vendita previste nel mercato cinese sono state per il momento disattese a causa del prezzo troppo alto iPhone 5c.

 

Il potere d’acquisto medio cinese non consente in nessun modo un acquisto di così alta portata. La maggior parte dei negozi di informatica si sono adoperati per acquistare nei mercati illegali gli iPhone 5c e rivenderli a prezzi più bassi del mercato, provocando un imprevista frenata sui forecast di vendita Apple.

 

 

Il prezzo troppo alto iPhone 5c ha dunque costretto i venditori locali a trovare soluzioni affinchè il prodotto venisse comunque collocato ad una cifra che si aggira intorno ai 400-500 $. Costo decisamente elevato, ma a fronte dei 726 $ del mercato legale ha generato un boom di vendite senza precedenti. Dunque la decisione di dimezzare la produzione dalle 300.000 unità alle 150.000. Ovviamente siamo solo all’inizio ed è presto per alzare bandiera bianca. Apple non ha nessuna intenzione di abbassare i prezzi, nonostante la polemica sul prezzo troppo alto iPhone 5c.

 

E in ogni caso non è da escludere che la scelta possa essere stata concepita a monte. Produrre di più per far fronte ad un eventuale sovrastima della domanda e poi calare la produzione e standardizzarla è una metodologia utilizzata già altre volte. Staremo a vedere come andrà a finire. Di certo il prezzo troppo alto iPhone 5c ha generato il primo caso di vendita sotto la stima di Apple. E questo non può che far riflettere sulle strategie future da adottare.

 

Puoi lasciare un commento, o un trackback per il tuo sito.

Lascia un commento

*